Un uomo tra gli uomini, sempre, anche nella sventura, anche nel dolore. Ecco in che cosa consiste la vita, questo é il suo compito (F. Dostoevskij).

Giuseppe Savagnone

Responsabile del sito della Pastorale della Cultura dell'Arcidiocesi di Palermo, www.tuttavia.eu.
Scrittore ed Editorialista.
Giuseppe Savagnone

Latest posts by Giuseppe Savagnone (see all)

La smentita di una illusione

L’elezione del presidente del Senato, primo atto ufficiale del nuovo Parlamento, avrebbe dovuto inaugurare la nuova stagione politica promessa in campagna elettorale dalla Destra. Finalmente un governo stabile, sulla base di un programma chiaro e condiviso, col sostegno di una netta maggioranza che i sondaggi preannunciavano e che le urne hanno poi confermato.

Non c’era bisogno di essere maghi, e neppure politologi professionisti, per capire che dietro questa oleografia di facciata c’erano dei problemi di fondo, che la legittima scelta tattica dei partiti alleati di unire i loro voti, per vincere le elezioni, portava a mettere in secondo piano o addirittura a negare. E i problemi sono puntualmente esplosi, prima ancora che il governo si sia formato, già nelle difficili trattative per la scelta dei ministri e poi, clamorosamente, in questa solenne giornata di apertura dei lavori parlamentari.

I fatti sono noti. In aula, i senatori di Forza Italia, tranne Berlusconi e la Casellati, si sono rifiutati di votare per il candidato della Destra alla presidenza del Senato, Ignazio La Russa, co-fondatore di Fratelli d’Italia. Il quale, però, è stato ugualmente eletto, grazie al voto decisivo di diciassette senatori dell’opposizione che, nel segreto dell’urna, hanno indicato il suo nome, contravvenendo alle prese di posizione ufficiali dei rispettivi partiti.

Un duplice colpo di scena, a cui va aggiunto un pizzico di “giallo” per il fatto che questi invisibili sostenitori, che il neo-presidente eletto ha ufficialmente ringraziato (deve a loro la sua elezione), rimangono tuttora senza nome. Nessuno – e si tratta di ben diciassette persone su duecento senatori! – ammette di avere contravvenuto alla linea ufficiale del proprio partito e di avere prestato questo inatteso soccorso alla maggioranza claudicante.

Interpretazioni a confronto

Questo è ciò che avvenuto. Resta il problema di interpretarlo. Fino a un certo punto, anche a questo livello non ci sono dubbi né divergenze. Tutti concordano sul fatto che l’astensione di Forza Italia sia stata la risposta di Berlusconi al netto rifiuto, da parte di Giorgia Meloni, di esaudire le sue richieste riguardo l’attribuzione dei ministeri e la nomina dei nuovi ministri.

Per quanto riguarda il primo punto, il cavaliere rivendicava per il suo partito, senza successo, la poltrona che più direttamente riguarda i suoi interessi, e cioè quella del ministero della Giustizia. Sul secondo punto il contrasto con la premier in pectore verteva sul nome dei Licia Ronzulli, l’ex infermiera divenuta in questi ultimi anni l’ombra di Berlusconi e la sua più fedele consigliera. Il cavaliere la voleva a guidare un ministero importante, possibilmente quello della Salute, mentre la Meloni non la riteneva all’altezza del governo di alto profilo che lei intende guidare.

Da qui la risposta data da Forza Italia in aula a palazzo Madama: «Abbiamo voluto dare un segnale che non si devono dare i veti su persone», ha detto Berlusconi commentando l’accaduto. Fin qui tutto chiaro. Da questo punto in poi le interpretazioni divergono. Secondo quella data dallo stesso Berlusconi, all’uscita dall’aula, l’intento dell’astensione non era di impedire l’elezione di La Russa: «Avevamo fatto tutti i calcoli che sarebbe stato votato lo stesso».

Accettando questa versione, qualche commentatore è arrivato a sostenere che si deve proprio ad un diretto intervento del cavaliere il voto favorevole dei diciassette rappresentanti dell’opposizione, che sarebbero stati da lui stesso contattati in precedenza segretamente. Si sarebbe trattato, insomma, di un’azione puramente dimostrativa, i cui effetti erano stati in anticipo neutralizzati. Difficile, francamente, prendere per buona questa lettura.

Più plausibile sembra quella degli opinionisti che vedono nell’episodio un tentativo fallito di ricattare la Meloni, costringendola a cambiare posizione sulle scelte dei ministri. L’appoggio dei diciassette “franchi tiratori”, secondo quest’altra interpretazione, non solo non sarebbe stato voluto da Berlusconi, ma avrebbe costituito per lui un grosso smacco, evidenziando l’irrilevanza dei voti del suo partito e consentendo alla leader di Fratelli d’Italia di ottenere quello che voleva senza cedere di un millimetro sul governo.

E sulla vittoria di Giorgia Meloni si concentrano i commenti dei suoi fedelissimi, che sottolineano il risultato storico costituito dall’ascesa alla seconda carica dello Stato di un rappresentante dell’estrema destra. Cercando così, però, di far restare in ombra il risvolto forse più inquietante di questa vicenda, che è la fragilità della nuova maggioranza. La si era presentata come una corazzata destinata a navigare sicura per i prossimi cinque anni della legislatura, e invece, alla prima prova, ha imbarcato acqua al punto che sarebbe affondata senza un soccorso esterno. Che poi , come dicono alcuni – questa è un’ulteriore sfumatura interpretativa – , la Meloni si aspettasse tale soccorso non cambia nulla alla imbarazzante fragilità di un esecutivo che deve sperare, per farsi valere, su transfughi (per giunta anonimi) dell’opposizione.

Tutti contro tutti

E siamo appena all’inizio. Se il buon giorno di vede al mattino, quella che il nostro Paese si accinge a vivere non è una stagione politica rassicurante. E non solo per la debolezza del futuro governo. Dopo tanti vituperi al precedente Parlamento, accusato di non aver rispettato la volontà popolare e di aver dato luogo a governi di segno contrastante, il nuovo si è aperto all’insegna del più classico degli inciuci, quello di parlamentari che approfittano del voto segreto per fare il doppio gioco.

Questo coinvolge innanzi tutto, ovviamente, l’opposizione. Anche se non è facile capire come sia stato possibile che un numero così rilevante di parlamentari si sia potuto discostare dalla linea dei rispettivi partiti restando nella segretezza. Berlusconi e altri hanno fatto il nome del gruppo di Renzi, ma è formato da solo quattro senatori. Altri hanno accusato della rottura del fronte delle sinistre i 5stelle, che avevano appena denunziato una manovra del PD per escluderli dalle cariche di vicepresidenti nelle due Camere, ma gli interessati respingono con sdegno al mittente le accuse.

Sta di fatto che, anche all’interno della sinistra il “giallo” dell’elezione del presidente del Senato ha evidenziato ed esasperato le divisioni (dentro questo campo già apertamente dichiarate), contribuendo a quel clima di “tutti contro tutti” che è esattamente il contrario di ciò che questo difficilissimo momento della vita nazionale richiederebbe.

Il problema è che non bastano nuove elezioni per cambiare una classe politica. I difetti di fondo denunciati ieri ed esibiti per invocarle, come una miracolosa medicina in grado di superarli, sono in realtà ancora davanti ai nostri occhi. Una vera “conversione” può venire solo da un ben più profondo rinnovamento culturale, che non può riguardare solo i rappresentanti, ma deve cominciare già dalla base, dai rappresentati, liberandoli dalle illusioni di un superficiale populismo che se la prende con i potenti di turno per spodestarli e sostituirli, ricadendo poi nelle stesse logiche.

Diceva Charles Péguy che «la rivoluzione sociale sarà morale o non sarà». Non basta, per un vero cambiamento, un avvicendamento al potere. Qui ci vuole un’altra visione della politica, ritornando a quel primato del bene comune – un valore etico e al tempo stesso politico – che la Seconda Repubblica ha sistematicamente ignorato e che, in questi suoi ultimi sviluppi, non sembra destinato ad avere maggiore peso che nel recente passato. E per questo non basta sostituire il presidente del Consiglio e i ministri, non basta neppure eleggere nuovi parlamentari. Ci vogliono logiche nuove, frutto di una nuova mentalità che bisogna costruire. A questo futuro, che ancora non si vede, ma che non un un’utopia, dobbiamo tutti lavorare.

(Visited 1.356 times, 1.356 visits today)

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.