Un uomo tra gli uomini, sempre, anche nella sventura, anche nel dolore. Ecco in che cosa consiste la vita, questo é il suo compito (F. Dostoevskij).

Luciano Sesta

Luciano Sesta insegna Filosofia e Storia nei Licei Statali. È anche docente a contratto di Antropologia filosofica all’Università di Palermo e di Bioetica e Filosofia della Medicina presso Master e Corsi afferenti alla Facoltà Teologica di Sicilia e al Policlinico Universitario di Palermo. È codirettore della Rivista Studium Philosophicum e collabora con numerose riviste specialistiche. Ha pubblicato numerosi volumi nell’ambito dell’etica sociale, della bioetica e della filosofia morale.
Luciano Sesta

Latest posts by Luciano Sesta (see all)

Mi sono emozionato”. Così diciamo. E intendiamo una scarica, un picco, un brivido tanto più intenso quanto più circoscritto e passeggero. Lemozione è una felice intermittenza, che ci regala attimi di eternità. Come quando tocchiamo, per la prima volta, le mani della persona di cui ci siamo da poco innamorati (Stendhal).

Pur essendo occasionalmente collegata alle emozioni, la passione” è altra cosa.

Ho una passioneper la musica, diciamo, o per la tua ironia, la tua bellezza, la tua generosità ecc. Rispetto allemozione, la passione è più radicata e stabile, e, a dispetto della radice della parola (da “πάσχειν”, “subire”), non è, come lemozione, qualcosa di tendenzialmente passivo che ci accade e che, poi, va via, ma una spinta che ci orienta verso ciò che la suscita, costringendoci a volerlo e a desiderarlo costantemente.

Scrive Kant: «l’emozione agisce come un fiotto che rompe una diga, la passione come una corrente che si scava sempre più profondo il suo letto» (Antropologia pragmatica, §. 74).

Ed è proprio per questo che mentre le emozioni sono standardizzate e un pouguali per tutti, perché non impegnano ciò che di unico e irripetibile c’è in noi, la passione, scavandoci a fondo, ci caratterizza per ciò che siamo. Dimmi per cosa o per chi hai passione, insomma, e ti dirò chi sei.

Emozione, allora, o passione? Può accadere che la prima sia ricercata come surrogato della seconda. Chi è alla continua ricerca di emozioni, in fondo, lo fa perché non c’è nulla che realmente lo appassioni. Scrive Nietzsche: «La nostra epoca è un’epoca di sovraeccitazione, e proprio per questo non è un’epoca di passione; si surriscalda continuamente perché sente di non essere calda. Nel suo fondo prova gelo» (Frammenti postumi, 248).

(Visited 48 times, 48 visits today)

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.